Test sierologici per docenti e personale ATA

      Nessun commento su Test sierologici per docenti e personale ATA

Il Ministero della Salute ha inviato una nota alle Regioni con la quale sono state definite le tempistiche e le modalità per lo svolgimento dei test sierologici per docenti e personale ATA.

Lo screening su base volontaria è rivolto a tutto il personale scolastico delle scuole pubbliche, statali e non statali, paritarie e private di tutto il territorio nazionale.

Tempistiche e modalità

I test sierologici sul personale scolastico saranno eseguiti dai Medici di Medicina Generale (MMG), a partire dal 24 agosto 2020 e sino ad una settimana prima che inizino le attività didattiche.

Il personale scolastico dovrà, quindi, contattare telefonicamente il proprio Medico per programmare l’esecuzione dei test. Qualora si sia sprovvisti di MMG, il test ben potrà essere eseguito presso l’ASL (Dipartimento di Prevenzione) competente per territorio.

I MMG conferiranno all’ASL di afferenza gli esiti dei test eseguiti al personale scolastico, affinché questa proceda alla loro aggregazione per genere e fascia d’età e contestuale comunicazione alla Regione che, a sua volta, li trasmetterà all’ISS mediante un’apposita piattaforma informatica.

Qualora il docente risultasse positivo al test sierologico, questi sarà sottoposto al test molecolare (tampone) presso il Dipartimento di Prevenzione dell’ASL, non oltre le 48 ore dall’esito (positivo) del test sierologico.

Nell’attesa dell’esito del test di biologia molecolare, il soggetto dovrà rimanere in isolamento domiciliare fiduciario.

I dati relativi ai tamponi positivi eseguiti dai Dipartimenti di Prevenzione dell’ASL saranno trasmessi quotidianamente alla Regione, che provvederà ad inoltrarli all’ISS mediante la predetta piattaforma, avendo cura di evidenziare che trattasi di personale scolastico.

Assenza docente o ATA per test sierologico positivo equiparato a quarantena

Il periodo di assenza dal luogo di lavoro, per il tempo intercorrente tra l’esito, eventualmente positivo, riscontrato all’esecuzione di analisi sierologiche per la ricerca di anticorpi specifici nei confronti del virus SARS-CoV-2 e l’acquisizione del risultato del test molecolare per la diagnosi dell’infezione, sia equiparato, previa presentazione di idoneo certificato medico rilasciato dal medico di medicina generale e/o dalla ASL competente, al periodo della quarantena, ai fini del riconoscimento del trattamento economico previsto dalla normativa vigente.

LEGGI LA CIRCOLARE: QUI!

Cosa deve fare chi non ha il medico nel luogo dove lavora

Nel caso di personale scolastico privo di MMG nel luogo di domicilio lavorativo, il test sarà eseguito presso il Dipartimento di prevenzione dell’Azienda Sanitaria Locale del domicilio lavorativo medesimo, previa dichiarazione sostitutiva di atto notorio attestante lo status lavorativo, secondo le modalità organizzative definite a livello regionale.

Personale che entra in servizio ad anno scolastico iniziato

Per il personale che entrerà in servizio ad anno scolastico iniziato, i test saranno eseguiti prima dell’entrata in servizio.

Sistema Tessera Sanitaria

I MMG e i Dipartimenti di Prevenzione delle ASL, inoltre, conferiranno i dati dei test eseguiti al personale docente nel Sistema Tessera Sanitaria (STS).

Per quanto riguarda la tessera sanitaria, il documento tecnico descrive nel dettaglio:

  • L’acquisizione ed elaborazione da parte del Sistema TS dei dati del Ministero dell’Istruzione relativamente al personale docente e amministrativo (ATA) delle scuole statali e paritarie;
  • La trasmissione al Sistema TS, da parte dei medici di medicina generale (o loro sostituti) dei dati numerici relativi all’esecuzione dei test sierologici per il personale docente e amministrativo (ATA) delle scuole statali;
  • La comunicazione di tali numeri al Commissario Straordinario per l’emergenza epidemiologica Covid-19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.