PIANO CULTURA FUTURO URBANO – Presentate in un workshop le buone pratiche delle scuole e biblioteche vincitrici del bando

https://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Comunicati/visualizza_asset.html_1160576922.html

Grazie alla piattaforma «Morgana D.a.D» di Fondazione Cultura&Innovazione, le attività del progetto “Territorio in Cartolina” si trasferiscono sul web e, grazie ad una nuova progettazione di didattica a distanza, coinvolgono i ragazzi in percorsi formativi informali e laboratoriali in modalità e-learning, attraverso incontri online e webinar digitali.

Il progetto della Scuola Secondaria di Primo Grado Gaetano Caporale di Acerra (NA) è infatti, uno dei tre progetti presentati come buone pratiche per il Piano Cultura Futuro Urbano- Scuola attiva la cultura, promosso dalla DGCC, con l’obiettivo di promuovere iniziative culturali nelle periferie delle città metropolitane e nei capoluoghi di provincia di tutta Italia e di migliorare, attraverso la realizzazione di servizi, la qualità della vita dell’intera collettività urbana, donando nuova personalità a scuole e biblioteche.

La presentazione è avvenuta martedì 21 luglio 2020 in sessione webinar durante il workshop PIANO CULTURA FUTURO URBANO, organizzato dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea (DGCC) del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, in collaborazione con LabGov.City dell’Università LUISS Guido Carli.

Partendo dalla presentazione dei progetti messi in campo dalle scuole e dalle biblioteche per lo sviluppo di pratiche innovative di promozione culturale sul territorio nazionale, nell’ambito delle azioni del PIANO CULTURA FUTURO URBANO #1 Scuola attiva la cultura e #2 Biblioteca casa di quartiere, sono stati analizzati gli strumenti messi in campo per creare dinamiche collaborative e multidisciplinari di qualità tra abitanti, istituzioni pubbliche, soggetti privati locali, università, associazioni di quartiere, artisti e creativi. L’attivazione di spazi di comunità nelle scuole e nelle biblioteche, la diversificazione dell’offerta culturale e creativa, il riconoscimento del diritto di partecipare degli abitanti, sono solo alcuni dei temi affrontati nel seminario, anche alla luce dell’emergenza pandemica in corso.

In seguito all’emergenza sanitaria Covid-19 infatti, grazie alla piattaforma «Morgana D.a.D» le attività del progetto “Territorio in Cartolina” si sono traferite sul web. Il progetto ha visto l’attivazione di nuove strategie didattiche e formative con l’ausilio di device tecnologici, per non arrestare le azioni di diffusione dell’insegnamento e della cultura.

Grazie alla piattaforma di Long Life Learning di Fondazione Cultura Innovazione, https://scuolacaporaleacerra.culturaeinnovazione.org,
è stato possibile riprogettare le attività e coinvolgere i ragazzi nelle attività di didattica informale e laboratoriale in modalità e-learning, attraverso incontri online e webinar digitali.

Con la diversa profilazione delle figure previste (esperti, tutor e codocenti) Morgana D.a.D. ha permesso il regolare svolgimento degli incontri previsti dai singoli moduli, in modalità sincrona/asincrona

140 persone collegate contemporaneamente in piattaforma,

per svolgere le attività dei laboratori in modalità e-learnig

Grazie alla funzione di upload tutti i discenti hanno caricato il proprio materiale e condiviso in apposita sezione i prodotti da loro creati. Per ogni incontro, i discenti sono stati avvisati via email della creazione dell’aula virtuale e, una volta collegati, sono stati monitorati tramite la funzionalità di tracking: orario di login e di logout.
La piattaforma ha previsto un sistema di crittografia di accesso che garantisce il totale rispetto della Privacy, il corretto trattamento dei dati personali ed un sistema di tracciabilità con report delle attività svolte da ogni singolo utente e dall’intera classe. Seppur in maniera virtuale, attraverso la realizzazione di tali percorsi didattico-formativi svolti sul web, la scuola ha inteso rispondere al bisogno della comunità di recuperare la socializzazione e l’inclusione dei piccoli, dei giovani e degli adulti, nonché diffondere il senso di cittadinanza attiva.
Visualizza la presentazione al seguente link:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.